CACCIUCCO ……della Vale ! ;-)

SECONDI PIATTI | 12 settembre 2014 | By

 
 
Adoro questo piatto da sempre.
Tipico di Livorno, città per cui simpatizzo moltissimo.
Perfetto per una puntata di Chef Rubio (anche se la mia versione non è molto “unta”, tendo sempre ad alleggerire).
Essendo una preparazione molto lunga devo ammettere di non farlo spesso, l’ultima volta lo avevo preparato per una cena fra colleghi  che non stavano nella pelle di fare una “cacciuccata” ed io, con i postumi di una simpatica colica renale, a lavorare un giorno intero per accontentarli……..ma venne buonissimo !!! 😉
E, mi raccomando, va mangiato con la forchetta! Che non vi venga la tentazione “antilivornesedoc” di usare il cucchiaio!!! 😉
Beh in questi giorni abbiam fatto la cacciuccata in famiglia e quindi l’ ho preparato con altrettanto cuore, che quello si sa essere l’ ingrediente fondamentale.
Quindi seguendo questa ricetta, se volete cimentarvi, vi verrà un piatto ottimo….garantito! Dovete solo armarvi di pazienza….e di un po’ di tempo a disposizione che è un piccolo lusso.
IMG_7260
 
Cacciucco
Write a review
Print
Ingredients
  1. (per 6/8 pp.)
  2. (p.s. la varietà e quantità del pesce è indicativa
  3. molto dipende dal fresco migliore che si riesce a trovare, possibilmente locale!)
  4. 1 gallinella di mare eviscerata
  5. 1 polpo grande
  6. 4/5 calamari grandi
  7. un po' di totani
  8. 5/6 canocchie
  9. 10 gamberoni
  10. 10 scampi
  11. 1 pezzo di rana pescatrice
  12. 2 fette di smeriglio
  13. 2 sacchetti di vongole veraci
  14. 1 sacchetto di cozze
  15. prezzemolo
  16. aglio
  17. 1/20 cipolla di Tropea
  18. 1 carota grande
  19. 1 costa di sedano
  20. basilico
  21. qualche pomodorino
  22. 1 patata
  23. passata di pomodoro (io questa volta ho usato i pomodori freschi)
  24. peperoncino
  25. vino bianco
  26. olio EVO
  27. sale, pepe
  28. pane abbrustolito per servire
Instructions
  1. Solitamente è una preparazione per la domenica, quindi io inizio il sabato pomeriggio pulendo il pesce e preparando il brodo.
  2. Preparare il brodo con la gallinella. Tagliare grossolanamente la cipolla, la carota, il sedano, un ciuffo di prezzemolo, un po' di basilico, dei pomodorini, 1 patata sbucciata divisa a metà, una punta di peperoncino, la gallinella, acqua (circa 1 l e mezzo, sale e pepe.
  3. Lasciar cuocere a fiamma dolce per circa un' ora. Quindi far raffreddare.
  4. Nel frattempo pulire tutto il pesce da riporre in frigorifero pronto per la mattina successiva.
  5. Far aprire cozze e vongole (di quest' ultime filtrarne l' acqua e tenerla a parte).Di una metà di cozze e vongole eliminarne il guscio.
  6. Quindi togliere la gallinella dal brodo e ripulirla, prelevarne la polpa. Quindi frullarla insieme alle verdure e aggiungerci l' acqua filtrata delle vongole.Tenere da parte.
  7. La mattina del giorno successivo preparare un trito di prezzomolo, aglio e peperoncino.
  8. Mettere in tegame molto capiente e far imbiondire il battutino con olio EVO, quindi aggiungere il brodo e il polpo tagliato a pezzi,coprire e una volta raggiunto il bollore aggiungere del vino bianco da far evaporare scoperto a fiamma vivace.
  9. Aggiungere i calamari, la passata di pomodoro e continuare a far cuocere coperto, dopo 20 minuti aggiungere i totani.
  10. Far cuocere a fuoco dolce per 40 minuti. Aggiungere quindi la rana pescatrice a pezzi e dopo 10 minuti lo smeriglio a pezzi.
  11. Infine i gamberoni e gli scampi (avendo cura di averli privati del "filo) e gli ultimi minuti le cozze e le vongole.
  12. Agggiustare sale e pepe e irrorare con del buon olio EVO.
  13. Servire caldo con delle fette di pane toscano abbrustolito (alcuni lo preferiscono "inagliato" - io evito).
  14. Avete finito il vostro lavoro, ma ne sarete ripagati ampiamente!!!
Adapted from Il Peperoncino Verde
Adapted from Il Peperoncino Verde
Il peperoncino verde http://www.ilpeperoncinoverde.ifood.it/
 
 
 
 
 

 

Comments

  1. Leave a Reply

    ~ Inco
    15 settembre 2014

    ne è valsa la pena direi!!
    Brava , cosa si fa per accontentare..
    Baci

  2. Leave a Reply

    Lory B.
    17 settembre 2014

    Mamma che buono!!!! Tantissimo che non lo preparo, quasi quasi prendo spunto!!
    Un abbraccio e complimenti!!!

  3. Leave a Reply

    Serena
    19 settembre 2014

    Certo, è molto laborioso, ma è sicuramente uno dei piatti più gustosi della nostra cucina regionale. Sinceramente non l'ho mai preparato con tutti i crismi, ma la tua spiegazione, così precisa e dettagliata, fa venire voglia di cimentarsi!

  4. Leave a Reply

    Valentina
    22 settembre 2014

    Valeeeeee oddio ma quanto deve essere buono?! Fame!!! 😀 Bravissima, tanti complimenti e un abbraccio stretto <3 Buon inizio settimana :**

  5. Leave a Reply

    Kittys Kitchen
    23 settembre 2014

    Ciaooo! Grazie infinite per la visita e per il commento.
    Carinissimo da queste parti, soprattutto ottimo il cacciucco una vita che non lo mangio!

  6. Leave a Reply

    La cucina di Esme
    23 settembre 2014

    fantastico e gustosissimo, è una vita che hp voglia di farlo e non avevo la ricetta ma ora con la tua….venerdì copro il pesce e cacciucco sia!
    baci
    Alice

  7. Leave a Reply

    Any
    26 settembre 2014

    Benritrovata Vale! Questo piatto è eccezionale, io adoro il pesce e prima o poi mi devo cimentare in questa preparazione. Grazie per le tue spiegazioni.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Gateau au chocolat