Profiterolos

DOLCI | 14 febbraio 2017 | By

Giorni di musica…appena reduci da Sanremo 2017, negli ultimi anni ho sempre snobbato il Festival della canzone italiana,     quest’ anno ho avuto modo di seguirlo e mi tocca ammettere che mi è pure piaciuto, la conduzione, gli ospiti …anche le canzoni. Pure il podio dei vincitori, il primo ed il secondo posto li avevo anche indovinati dopo la prima serata 😉 ! La musica è sempre stata parte fondamentale della mia vita, un po’ perché ho sempre ballato e un po’ perché sono sempre stata drogata di musica, non riesco a farne a meno. Da ragazzina facevo i compiti con la musica, riuscivo anche a studiare con la musica in sottofondo! Poi in auto…anche adesso la prima cosa che faccio, ancor prima di allacciarmi la cintura, è accendere la radio! E pure mentre cucino o spolvero casa la musica non può certo mancare! Come tutti noi ho i miei cantanti del cuore: Jovanotti (7 concerti visti e tutti i suoi cd), Negrita, De Gregori, Guccini, De André, Ligabue, Mannoia… e poi i Guns ‘n Roses, gli U2, Coldplay, Dire Straits, Bruce Springsteen….non amo le canzonette melodiche o eccessivamente romantiche, ho bisogno di musica che batte, di testi che raccontino o di ritmi incalzanti. Quante volte una canzone ci riporta ad un momento preciso? Quante volte fa riemergere un ricordo ormai sepolto? A volte piacevole, altre meno….ma sicuramente accompagna gran parte della nostra vita! E per fortuna io e mio marito, che siamo così diversi in tutto, ci assomigliamo abbastanza per i gusti musicali, almeno anche nei viaggi non dobbiamo discutere sulla colonna sonora dei nostri spostamenti 😉

Tutto questo preambolo per raccontarvi di qualche giorno fa in cui mi sono cimentata in una preparazione culinaria impegnativa e mi sono ascoltata tutte le più belle canzoni dei Coldplay proprio mentre preparavo profiteroles au chocolat ,  il “premio pagella” richiesto dal mio pepato secondogenito e, poiché ogni promessa è un debito e non è ammissibile possa essere disattesa, ecco che mi sono messa all’ opera …et voilà! Golosità a gogo per merenda 😉

Anche i bignè li ho preparati io, detesto quelli comprati che mi sembra abbiano la consistenza del cartoncino…e poi volete mettere la soddisfazione di vedere quelle noci di palline che si gonfiano magicamente in cottura? La trovo un’ immagine così confortante…..e poi la pasta choux fa parte delle basi, no? Vi scrivo la mia ricetta, cimentatevi con fiducia!

Profiteroles

(8 pp.)

per i bigné

per la farcia

per la copertura

 

ISTRUZIONI

Preparare i bigné.

In una casseruola mettere latte, acqua, zucchero, burro e sale. Portare ad ebollizione . Togliere dal fuoco ed aggiungere in un colpo solo tutta la farina (precedentemente setacciata) e mescolare molto bene. Rimettere quindi sul fuoco e cuocere il “polentino” per un paio di minuti circa, finché non si senta attaccarsi dalle parti. Far intiepidire leggermente l’ impasto (io talvolta tolgo dal fuoco e metto la casseruola un paio di minuti immersa in acqua fredda) Intanto accendere il forno a 210°. Quindi aggiungere un uovo alla volta. Non inserire il secondo senza che sia stato assorbito bene il primo! All’ inizio sembrerà un impasto slegato, non preoccupatevi l’ uovo verrà incorporato. Dovrà mostrarsi un composto omogeneo e semi-lucido, la consistenza piuttosto solida (non deve staccarsi dal cucchiaio di legno!)…quindi con l’ aiuto di un sac à poche (oppure di due cucchiaini) formare delle noci distanziate su un foglio di silicone (o carta da forno, ma io preferisco il silicone per questa preparazione!). Infornare a forno caldo (io ventilato) per 10 min. a 210° quindi abbassare a 170° e proseguire la cottura (a me occorrono circa 22 min totali). Spegnere, aprire leggermente lo sportello del forno e far raffreddare i bignè al suo interno. Dopo 5/10 minuti bucate i bignè con la punta del sac à poche ma fateli raffreddare dentro il forno tiepido in modo che si asciughino bene internamente.

Preparare la farcia.

Sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la maizena e i semi di vaniglia. Aggiungere poco latte per amalgamare senza grumi, quindi versare il restante e porre tutto sul fuoco mescolando finché non sarà addensata. Spegnere il fuoco, immergere subito la pentola in acqua con ghiaccio, mettere una noce di burro nella crema, mescolare molto bene con una frusta e coprire con della pellicola direttamente a contatto con la superficie della crema in modo che non faccia la crosta. Aggiungere quindi la panna semi-montata ed amalgamare bene. Una volta raffreddati i bignè farcirli con la suddetta crema con l’ ausilio di un sac à poche.

Preparare la ganache

Portare ad ebollizione la panna, aggiungere il cioccolato fondente a pezzi e mescolare bene per uniformare. Fare intiepidire. Montare l’ albume a neve. In un pentolino far sciogliere l’ acqua con lo zucchero a velo (deve raggiungere 110°) e versare lo sciroppo a filo sull’ albume montato continuando a montare con le fruste elettriche. Quindi unire la meringa ottenuta alla ganache delicatamente e ricoprire tutti i bignè riempiti. Far riposare in frigo almeno 3 ore. Quindi decorare con ciuffi di panna montata ed una spolverata di cacao amaro.

Comments

  1. Leave a Reply

    manu
    14 febbraio 2017

    E’ veramente delizioso.
    Ti è venuto benissimo!
    Un abbraccio

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      14 febbraio 2017

      grazie cara! In effetti era buonissimo 😉

  2. Leave a Reply

    saltandoinpadella
    14 febbraio 2017

    Ma che bel premio pagella, sei proprio una mamma super. Non e’ che mi vorresti adottare? questa montagna e’ cosi’ invitante che mi ci tufferei sopra tipo Paperone nel deposito delle monete

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      16 febbraio 2017

      beh, era un premio pagella legittimo da chiedere da figlio di una foodblogger che ama il cioccolato! 😉

  3. Leave a Reply

    Imma
    15 febbraio 2017

    Io non so resistere a questa visione sono uno spettacolo…goduria pura!!Baci, Imma

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      16 febbraio 2017

      grazie mille! 🙂

  4. Leave a Reply

    Serena
    16 febbraio 2017

    La pagella deve essere stata molto bella per aver avuto come premio questo profiteroles così “sfacciatamente” goloso, bello Vale complimenti. I tuoi ricordi sono per me uno specchio mi ci immedesimo perchè spesso sono i miei stessi 😉 Un abbraccio

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      19 febbraio 2017

      che bello!… un bacio :-*

  5. Leave a Reply

    Laura De Vincentis
    17 febbraio 2017

    Il mio dolce preferito!!!! te lo posso commissionare per il mio compleanno??? Sarei capace di finirmelo da sola! Un abbraccio

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      19 febbraio 2017

      dammi la data!… 😉

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      19 febbraio 2017

      golosità a gogo!

  6. Leave a Reply

    Pattypa
    18 febbraio 2017

    Pure io ho portato bei voti a casa… Me ne vengo a mangiare un paio!! Un bascione e buon fine settimana

    • Leave a Reply

      ilpeperoncinoverde
      19 febbraio 2017

      :-D….. te lo preparo moooolto volentieri!

  7. Leave a Reply

    ipasticciditerry
    21 febbraio 2017

    Ma che ti devo dire? Sei stata bravissima! Tuo figlio può essere davvero orgoglioso di avere una mamma come te, che prepara questo dolce all’apparenza semplice ma complesso. Anche io come te, amo moltissimo la musica e faccio tutto con sottofondo musicale. Abbiamo anche più o meno gli stessi gusti musicali … Brava, vado a leggermi la ricettina giapponese. Un bacione e buona continuazione di settimana

  8. Leave a Reply

    Emanuela
    26 febbraio 2017

    Pure io studiavo con la musica nel silenzio totale mi distraevo e non combinavo assolutamente nulla! Mio papà fa i bignè io non ho pazienza però una volta proverò magari mi usciranno bene 😀 Mangerei tutto il tuo piatto *_*

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Tartellette con confettura di latte e miele