TRAVEL

Croazia e Slovenia my trip in 5 days!

Le nostre vacanze quest’ anno sono state molto last minute…in realtà sono piuttosto abituata a fissare le ferie senza un largo preavviso e mi piace davvero fare tutto da sola, trasporto, alloggio ed itinerario. Ho la fortuna di avere una famiglia di “macinatori di km” e che è pure carica di una bella dose di curiosità, questo ci porta a scoprire ogni angolo dei luoghi visitati, ad assaggiare le pietanze più tipiche ed a sentir poco la stanchezza. Devo ammettere che mi sbizzarrisco in veri e propri tours de force, ma di quelli gradevoli! Quelli che ricaricano di energia vitale!

Quest’ anno abbiamo optato per un tour in Istria, cinque giorni belli pieni di cose da vedere! Abbiamo preso come base un appartamento a Pola, proprio sul mare a  Verudela;  adoro svegliarmi con il rumore del mare e far colazione ammirando le onde che spumeggiano sugli scogli, quella è già la mia vera vacanza!

Ora, la domanda: ma non sarà troppo un tour di cinque giorni itinerante fra Slovenia e Croazia? Direi assolutamente di no, anzi, vi assicuro che è ben fattibile! Poi chiaramente molto dipende dal concetto di vacanza che ognuno ha, noi siamo molto “zingari” in viaggio e ci piace vedere più cose possibili (se c’ è da svegliarsi presto o andare a letto tardi, beh, rientra tutto nella vacanza!) ;-D 

Quindi, cosa vedere? Noi abbiamo iniziato  visitando Portorose (Portoroz) in Slovenia, ci siamo fermati tanto per spezzare il viaggio, è un luogo turistico, fatto di casinò e hotel di lusso, davvero molto curato e con stabilimenti balneari carini, ma lo abbiamo trovato un po’ troppo “sintetico” per i nostri gusti,  tanto che dopo una breve visita ci siamo diretti a Parenzo (Porec) in Croazia, una cittadina davvero molto carina! Abbiamo girovagato accaldati fra le sue viuzze lastricate risalenti all’ epoca romana, piene di negozi e ristoranti e vi consiglio vivamente alla bella visita della Basilica Eufrasiana, uno degli edifici paleocristiani meglio conservati, nonché uno dei più importanti monumenti storici del mondo, infatti nel 1997 inoltre è stata inserita nella Lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. 

(uno stabilimento balneare a Portorose)(Basilica Eufrasiana a Parenzo)

(un angolo di Parenzo)

Un’ altra città assolutamente da scoprire è  Pola, importante località turistica croata e capitale dell’ Istria. Bella e suggestiva la sua Arena, un anfiteatro ben conservato che, come il Colosseo, veniva utilizzato prevalentemente per combattimenti di gladiatori, fu costruito sotto l’ imperatore Augusto,  adesso è un ambito palco di teatro e di concerti musicali  e dal quale si può ammirare il mare ed il suo porto. Poco distante si può visitare anche l’ Arco dei Sergi e la Fortezza veneziana.

Se amate il mare sappiate che nella località di  Medulin ci sono spiagge con acqua limpida ed invitante (come tutta la Croazia del resto 🙂 )! Uno dei luoghi in cui ho lasciato il cuore è sicuramente il parco naturale del Kamenjak, nei pressi di Premantura, un’ area protetta dal 1996 che si estende per oltre 5 km e conserva tutto il fascino selvaggio con spiagge e scenari davvero stupendi.  Inoltre nella punta meridionale del parco sorge un locale carinissimo: il Safari Bar ! Un locale etnico, stile safari, molto suggestivo che è direttamente sul mare, buon cibo (ottime le sardine alla griglia!!!) ad un buon rapporto qualità/prezzo, perfetto anche per le famiglie con bambini poiché  offre molte attrazioni.
(scorcio nel parco Kamenjak)

Devo ammettere che il mare croato è notevole, ha dei colori vivi e limpidi e viene davvero voglia di tuffarsi, ma questa zona offre anche molto altro da visitare, belle città e bei borghi da scoprire, bellissimi scenari da fotografare…uscite all’ acqua e non ve ne pentirete!

(spiaggia Verudela)

Rovigno (Rovinj) che dista 40 minuti di auto da Pola, è una graziosa città penisola che fu appartenente alla Serenissima Repubblica di Venezia e ne conserva molto bene i tratti, l’ ho trovata una città vivibile, colorata e ordinata, ha delle bellissime vie ed è piena di botteghe d’ arte, mi è molto piaciuta!
(porticciolo di Rovigno)

(botteghe d’ arte a Rovigno)

Distante 5 km dal centro storico, in prima periferia, c’ è anche il sito archeologico Monkodonja , un insediamento risalente all’ età del bronzo ubicato su un’ altura con una bella visita sulla baia, purtroppo è davvero tenuto molto male e poco valorizzato, per questo motivo la sua visita non ci ha entusiasmato anche se  l’ ubicazione è indubbiamente bella. 

Sempre nei pressi di Rovigno c’è un piccolo borgo nascosto dal turismo di massa: Bale! L’antico borgo è dominato dall’immenso campanile della chiesa barocca di S. Giuliano ed ho molto apprezzato passeggiare fra i suoi vicoli che sembrano essersi fermati nel tempo, tutto sembra avvolto in una quiete irreale ed inoltre vi si trovano anche ristoranti e locali dove gustare buon cibo!
(una viuzza di Bale)

Insomma, devo proprio ammettere che questa parte di Croazia mi è piaciuta enormemente, i miei occhi si sono riempiti di bellezza reale, non supponente, di aria ancora incontaminata. Le coste frastagliate, gli scogli selvaggi, le città baciate dal mare, i piccoli borghi, la vegetazione tipica mediterranea…..tutto mi rimarrà nel cuore.

E, comunque, mica ci siamo fermati al territorio croato, abbiamo visitato anche la Slovenia! Non solo Portorose, ma l’ abbiamo attraversata, ammirato il suo bel verde e le sue strade comode, e siamo arrivati a Postumia (Postojna) per entrare ad ammirare le imperdibili e strabilianti sue grotte (ben 25 km di grotte, solo 5 km visitabili con guida!) che tolgono il fiato sia a grandi che piccini ed anche il bellissimo castello scavato nella roccia di Prendjama! (lo abbiamo visitato solo esternamente, l’ entrata all’ interno non ci era stata sponsorizzata da nessuno perché piuttosto scarno 😉 ). 

(le grotte di Postumia)

(castello di Prendjama)

Ebbene sì, tutto questo in 5 giorni pieni in cui oltretutto abbiamo fatto prevalentemente mare ;-)….. che ne dite, non sono luoghi incantevoli da esplorare? 

Le persone non fanno viaggi, sono i viaggi che fanno le persone ! <3

Piccole info pratiche:

  • Se attraversate la Slovenia in auto occorre acquistare la vignette prima di varcare il confine, € 15 settimanali
  • in Slovenia la moneta è l’ euro, troverete molte persone che parlano anche l’ italiano, io comunque non ho trovato difficoltà parlando inglese poiché nelle zone turistiche lo parlano molto bene
  • le grotte di Postumia meritano, ma il biglietto costa abbastanza, vale comunque la visita!
  • consigli culinari: le antiche trattorie (gostilna) offrono una cucina tipica, ottima la zuppa con funghi
  • Croazia: la moneta è la kuna, cambiate i soldi in loco, possibilmente in banche locali che non applicano commissioni
  • spiagge in Croazia: sono perlopiù scogliose e con ciottoli, spesso il mare è subito fondo. Consigliate le scarpette da scoglio (per me sono assolutamente necessarie!), l’ acqua è freddina ma stupenda!
  • consigli culinari: ottimo il prosciutto istriano, il tartufo e  buono il piatto tipico: i ćevapčići, un piatto a base di carne trita, variamente speziata, tipico della cucina dei paesi della penisola balcanica.
  • i prezzi ahimè sono piuttosto in linea con i nostri, mangiare fuori costa ancora meno ma i prezzi bassi sbandierati qualche anno addietro sono ormai un ricordo!

Se potete partite e godetevi questo angolo di mondo! 😉

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Risotto al salto